E' uscito "Kallaama", il concept album di Marco Albani sui sentimenti universali

5' di lettura 30/09/2021 - Dopo un periodo di ricerca interiore, mercoledì 29 settembre il chitarrista e compositore Marco Albani ha pubblicato il concept album "Kallaama" (Delta-Top/Believe Digital): il suo terzo lavoro discografico disponibile nei negozi oltre che nelle principali piattaforme streaming e nei digital store, come Spotify, Amazon e Deezer.

Un incontro tra la melodia chitarristica e la vocalità maschile e femminile, un percorso emozionale tra sentimenti condivisi dall'intera umanità. Marco Albani da sempre è impegnato sulla sottile linea di confine tra jazz acustico e world music. Le sue composizioni ricche di sonorità mediterranee, africane e sudamericane, trasmettono messaggi e valori carichi di significato con un linguaggio diretto che coinvolge emotivamente all'insegna dell'incontro e della contaminazione tra ritmi e melodie del mondo, con suggestioni provenienti da diverse culture e con grande attenzione agli arrangiamenti e al suono d'ambientazione. Kallaama nell'idioma Wolof del Senegal significa "linguaggio": quello universale della musica, che va oltre i confini delle nazioni, delle tradizioni e delle culture.

Un crossover che nel disco è rappresentato dalla presenza di autori ed interpreti di livello internazionale e di stili differenti quali Frances Alina Ascione, Kaw Sissoko, Andrea Sanchini, Umberto Vitiello, Clea Scala, Carla Cocco e Velka-Sai, oltre al noto sassofonista argentino Javier Girotto che, come voce "ultima" del disco, interpreta al sax il brano conclusivo "The Right Place" condividendone la scrittura. L'album sarà in rotazione a livello internazionale grazie alla prestigiosa piattaforma statunitense Smooth Jazz, a partire dal 1° ottobre. La pubblicazione è stata anticipata il 10 settembre dal singolo Mari Mari Miu (feat. Carla Cocco), accompagnato da un emozionante videoclip (https://youtu.be/4KA1CPEChUI) diretto dal regista Mario Giua Marassi e ambientato in tre suggestive location sarde: la Grande Miniera di Serbariu a Carbonia, Porto Flavia di Masua e la Laveria Lamarmora di Nebida. Nove i brani originali che compongono l'album.

1. Madiba è il brano d'apertura interpretato dalla vocalità blues-soul-gospel di Francis Alina Ascione e dedicato a Nelson Mandela, leader carismatico il cui ricordo trasmette calore e saggezza, potere e generosità, comprensione e perdono.

2. Lokho Lokho è sviluppato sull'istintiva vocalità di Kaw Sissoko, sulla kora e sulle percussioni africane, narrando la storia di due giovani uniti nell'amore sin dall'infanzia, ma poi forzatamente separati in età adulta per motivi familiari ed economici: episodio purtroppo frequente in terra africana.

3. Running To You rappresenta la fiducia nell'amore, grazie anche ad un'appassionata performance vocale di Andrea Sanchini e al sax baritono di Javier Girotto che dopo l'energico assolo centrale accompagna il testo con gusto e interplay.

4. La Joie de Vivre è ispirato dall'omonimo quadro di Pablo Picasso esposto al Museo Picasso di Antibes (Francia). È la storia di un amore ritrovato in età matura, cantato da Umberto Vitiello in una atmosfera jazzistica essenziale, onirica, sospesa nel "senza-tempo", con il pianoforte di Martino Onorato che alterna accordi alterati e note di virtuosismo con misurata leggerezza.

5. Freedom è un brano strumentale dedicato alla libertà a cui tutti i popoli oppressi aspirano. I vocalizzi di Umberto Vitiello, nella sezione centrale, esprimono il grido di dolore degli uomini che lottano con tutte le loro forze per riconquistarla, anche a rischio della vita.

6. A Greater Smile descrive l'energia dei bambini africani in un punto di vista rovesciato che fa riflettere e contestualizzare i falsi dolori dell'umanità cosiddetta "civilizzata". Insieme alla kora di Kaw Sissoko, nel brano sono presenti le voci dei bambini registrate in Zambia all'Africa Sarda Studio di Lusaka sotto la direzione di Carla Cocco.

7. Mari Mari Miu è un incontro tra la melodia chitarristico/mediterranea e la solare vocalità della lingua Sarda Campidanese con l'interpretazione di Carla Cocco. Tradizione e innovazione si intrecciano in un caleidoscopio di emozioni, per raccontare, attraverso il suono, un percorso che va dall'oscurità alla luce.

8. Kallaama, cantata in una lingua ancestrale al di fuori di idiomi e significati semantici, è la title track del disco. Un puro grido dell'anima che riesce a liberarsi dalla pesantezza e dalla fisicità del mondo terreno per approdare in una nuova dimensione, in un "plateau" di assoluta consapevolezza. Emozionante la performance vocale di Velka-Sai, caratterizzata da un utilizzo della voce ispirato e tecnicamente peculiare.

9. The Right Place è il brano di chiusura dell'album prova a descrivere la visione di una dimensione "altra", raggiunta dopo il doloroso percorso dell'Anima del brano precedente. È il "posto giusto" dove tutto è ormai compiuto, rappresentato da una atmosfera onirica, luminosa e sospesa, con il sax soprano di Javier Girotto che ci parla con ispirata verità e dolcezza.

Prima di "Kaallama", Marco Albani ha pubblicato due album. Il primo, "Chronos" (Delta-Top/Believe Digital, 2006), ha riscosso immediati consensi da parte della critica specializzata ed è stato inserito nella programmazione di Smooth Jazz, nonché in quella di molte radio private italiane ed estere. Nel 2010 è uscito il secondo album "Encuentro" (Delta-Top/Believe Digital), un appassionato viaggio nel cuore della musica latino-americana con grandi artisti della scena italiana e internazionale come Maurizio Giammarco, Marco Siniscalco, Rocco Zifarelli, Gianni Iorio, Carlos Sarmiento, Gnu Quartet, Raul Scebba, Umberto Vitiello, Sanjay Kansa Banik e Roland Ricaurte.

CONTATTI www.marcoalbani.com
Facebook: https://www.facebook.com/Marco-Albani-guitarist-composer-302060801151
Instagram: https://www.instagram.com/marco_albani_official/
YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCPwjIjHCZEp5A-WwWro7oCA








Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2021 alle 10:32 sul giornale del 01 ottobre 2021 - 189 letture

In questo articolo si parla di musica, jazz, spettacoli, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/clOP

Leggi gli altri articoli della rubrica JazzInsieme





logoEV