Associazione a delinquere e spaccio, 9 persone indagate

4' di lettura 14/06/2023 - Nelle prime ore della mattinata di mercoledì, militari dei Comandi Provinciali della Guardia di Finanza di Genova e La Spezia hanno eseguito un'ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Genova, su richiesta della Procura della Repubblica — Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo, nei confronti di nove persone (cinque di nazionalità albanese, 3 di nazionalità dominicana, un ecuadoriano).

Degli indagati: - sei sono accusati di associazione per delinquere (ritenuta operante non solo in Italia) finalizzata al traffico di stupefacenti (i cui componenti avevano la disponibilità di telefoni cellulari dotati di sim anche estere e di criptofonini non intercettabili di ultima generazione), aggravata dalla disponibilità di una pistola con matricola abrasa; - sette sono accusati di tentata importazione nel territorio nazionale di 100 kg di cocaina occultati in borsoni e trasportati in un container a bordo di una motonave salpata il 20.11.2022 dal porto di Guayaquil (Ecuador); sette sono accusati di sequestro di persona a scopo di estorsione, ai danni di un cittadino italiano perché fornisse indicazioni sulla persona (non appartenente al sodalizio) che gli indagati ritenevano responsabile della sottrazione dei 100 kg di cocaina, convincendo questi a salire a bordo di una autovettura e successivamente costringendolo a spegnere il telefono cellulare, impedendogli di effettuare chiamate, obbligandolo ad inviare messaggi vocali al presunto responsabile della sottrazione dello stupefacente, sottoponendolo ad un vero e proprio interrogatorio e minacciandolo di torture e ritorsioni ai danni dei suoi familiari; due sono accusati di porto, detenzione e ricettazione di una pistola cal. 7,65 con matricola abrasa; due sono accusati di detenzione di 1 kg di cocaina.

Le indagini condotte dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Genova e dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di La Spezia, con il supporto del Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata (S.C.I.C.O.) della Guardia di Finanza, hanno tratto origine dall'attivazione di un'operazione speciale ex art. 9 della L. 146/2006, nel corso della quale è stato impiegato un agente undercover allo scopo di infiltrarsi all'interno di un sodalizio di narcotrafficanti composto da cittadini albanesi, dominicani ed un ecuadoriano e si sono sviluppate attraverso attività d'intercettazione. In particolare, le attività investigative hanno consentito di monitorare, a partire dal mese di novembre u.s., il tentativo dell'organizzazione criminale di importare un carico di Kg 100 di cocaina dal porto di Guayaquil (Ecuador) al porto di Genova a mezzo container.

A fronte della fallita acquisizione dello stupefacente, il gruppo criminale si è reso responsabile del sequestro di persona di un cittadino italiano, allo scopo di estorcergli con violenza informazioni ritenute utili per rintracciare l l presunto responsabile del mancato arrivo a destinazione della cocaina attesa.
L'azione delittuosa veniva repressa grazie all'intervento della polizia giudiziaria, che consentiva l'arresto a Genova di due soggetti in flagranza di reato (il cittadino dominicano CASTELLO TAPIA Soci De Jesus ed il cittadino ecuadoriano WILA QUINONEZ Holger Ernesto), la contestuale liberazione e messa in sicurezza dell'ostaggio, nonché l'arresto a Carrara (MS) di un terzo sodale (il cittadino albanese VASAI Nevi ari) che, munito di un'arma da fuoco illegalmente detenuta, stava raggiungendo i coindagati a Genova.

Lo sviluppo delle indagini permetteva di monitorare la fuga in Albania dei membri apicali del gruppo criminale, i quali proseguivano dall'estero l'organizzazione di traffici di sostanze stupefacenti sul territorio italiano, come riscontrato neI corso di un intervento repressivo operato dalla Guardia di Finanza di La Spezia nel mese di gennaio, che consentiva di sequestrare ad Arcola (SP) Kg 1 di cocaina e di trarre in arresto il corriere utilizzato per il trasporto. Oltre ai soggetti sopra citati, in data odierna sono stati tratti in arresto anche i cittadini albanesi SUFAT Ardimi, promotore ed organizzatore del sodalizio, rintracciato a Tirana in collaborazione con la Polizia Albanese e con la Divisione Interpol dei Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia italiano, MI-INDOLI Andiol, residente a Pisa, e VA SA) Andrea, residente a Massa, entrambi compartecipi delle attività illecite del gruppo di narcotrafficanti, il cittadino dominicano CASTILLO TAPLA Francisco Josè, residente a Carrara (MS), anch'egli membro dell'associazione criminale, nonché SUFAJ Hane, residente a Pisa, ritenuta responsabile della detenzione della cocaina sequestrata ad Arcola (SP) ne] gennaio scorso. Contestualmente alla misura cautelare della custodia cautelare in carcere, la Guardia di Finanza di Genova e La Spezia sta dando esecuzione a perquisizioni delegate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo a La Spezia, Massa, Carrara e Pisa.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Genova .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viveregenova o Clicca QUI.

   

di Redazione





Questo è un articolo pubblicato il 14-06-2023 alle 10:27 sul giornale del 15 giugno 2023 - 30 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/edek





logoEV
qrcode